A PASSEGGIO TRA I PALAZZI STORICI DI ROVIGO CON L’ESPERTA D’ARTE ROBERTA REALI

Palazzo Nagliati

A volte camminando per strada, lo sguardo si posa distrattamente su edifici, più o meno recenti, che mettono in mostra stili architettonici risalenti a diversi periodi storici e artistici.

Palazzo Roverella

 

Loggia dei Nodari

 

 

 

 

 

 

 

Se l’attenzione si concentra, invece, su una determinata struttura si evidenziano tutta una serie di elementi stilistici che ne caratterizzano la storia e la forma. Per valorizzare i palazzi storici della città di Rovigo, il Circolo Polesano degli Amici dell’Arte ha invitato nella conviviale di giovedì 16 p.v. alle ore 20 presso il Ristorante “Le Betulle” Hotel Regina Margherita, la studiosa d’arte rodigina Roberta Reali che svilupperà il tema “Rovigo e i suoi Palazzi”.

L’esperta laureata in storia dell’arte a Cà Foscari ha al suo attivo numerose ricerche e pubblicazioni riferite ad affreschi otto-novecenteschi in abitazioni del Polesine. E’ una profonda conoscitrice delle opere dei pittori Giovanni (1835-1912) e Vittorio Biasin (1860-1926), rispettivamente padre e figlio veneziani di origine, di cui ha pubblicato “I Taccuini”. Si tratta di una serie di bozzetti serviti ai due artisti come preparazione alla loro attività di pittori, svolta in edifici pubblici e privati.

Gradito ospite della serata sarà il professor Luigi Costato, già presidente dell’Accademia dei Concordi, docente universitario di diritto agrario, autore di numerose pubblicazioni sulla materia e attuale presidente della Fondazione della Banca del Monte di Rovigo. Il professore racconterà la storia della sua abitazione, palazzo Camerini (del 1884-architetto Lorenzo Rossini), situato in via Celio, non solo dal punto di vista artistico, ma arricchita da una serie di ricordi e aneddoti legati al passato della città.

Palazzo Camerini

 

il Professor Luigi Costato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La relatrice, invece, condurrà i presenti ad intraprendere un percorso tra palazzi pubblici e privati, alcuni destinati a sedi di mostre d’arte ed eventi culturali, altri utilizzati come sedi di uffici o abitazioni private. Dal centro storico, cuore pulsante della città, su cui si affacciano importanti costruzioni in cui è presente l’influenza esercitata dalle dominazioni del Ducato di Ferrara e della Serenissima, si soffermerà poi ad illustrare altri edifici di rilievo e abitazioni destinate ad uso privato che conservano nel tempo armonia, equilibrio e proporzione.

Il tutto per capire come il passato continua a vivere nel presente e mantiene la propria identità per il futuro.

l’ESPERTA D’ARTE Roberta Reali
Etichettato , , , , , ,